Quando fai marketing e sbagli il target

Pastalotte una pasta nata per i più piccoli a lenta essiccazione trafilata in bronzo ad alta digeribilità.

Diverse volte ho visto tra gli scaffali della mia fruttivendola le confezioni. Incuriosito da questo prodotto sono stato più volte tentato… ma non essendo più un pargolo in fasce, ancora aimè single e senza figli sparsi per l’universo ho abbandonato l’idea. Un giorno in preda a shopping compulsivo e selvaggio, me la ritrovo nel carello della spesa. Noooooo!!!

E adesso?

Sarà stato un istinto da eterno Peter Pan, ma siamo andati un pò troppo oltre. Ora chi la mangia? Idea! E se non fosse una basta solo per bimbi? E se la faccio provare a mia mamma di 85 anni, che ha continui problemi di masticazione? Proviamo!

Da provetto chef avevo preparato un sughetto, speciale, alla bolognese, con tanto di macinato…un condimento giusto per Pastalotte? A volte la fortuna aiuta gli audaci.  Non vi dico, risultato incredibile, mamma felicissima, dopo tanto tempo aveva assaporato finalmente una pasta buona ed al tempo stesso morbida al punto giusto ma soprattutto digeribile.

Personalmente non amo troppo la pasta, ma per dovere di cronaca mi sono sacrificato. Davvero buona consistente e morbida al punto giusto, una certa rugosità fa si che il sugo si attacchi e renda ogni pezzo gustoso come gli altri.

Non lasciatevi trarre in inganno dai numerini, le letterine dei diversi formati, Pastalotte è l’ideale anche per le persone con problemi di masticazione come anziani in genere e perché no, persone come me, affetti dalla sindrome di Peter Pan.

Per chi ha problemi di masticazione lasciate a bagno la pasta in acqua a temperatura intorno 16- 17 gradi, va bene l’acqua di rubinetto a temperatura ambiente, tenetela così per 2 ore. Poi immergetela nel vostro brodo vegetale bollente, per un paio di minuti, spengete il fuoco.Mettete il coperchio per un minuto sopra e poi servite caldissima col suo brodo ed un filino di olio evo, è una favola…

Contatti tel: +39 3383009462

Sito web Pastalotte



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *